1
Laser CO2

Laser CO2 Frazionale: cos’è?

Il laser CO2 denominato frazionale costituisce un’evoluzione del normale laser CO2, la quale consente di agire solo con il raggio di luce su una zona della cute (le cosiddette zone microtermiche o MTZ), minimizzando il danno termico. Il trattamento stimola, in profondità nel derma, un ringiovanimento delle fibre collagene e un’attivazione delle cellule responsabili della formazione di acido ialuronico, elastina e nuovo collagene (i fibroblasti). La percentuale di cute coinvolta dal processo termico indotto dal laser è del 20%. Il restante 80% di cute è perfettamente integro, non essendo coinvolto dal fenomeno. Dalle aree di cute rimasta inalterata parte un processo di rigenerazione molto rapida, solitamente della durata di 4 o 5 giorni.

Laser C02 Frazionale: quando si usa

Tale apparecchiatura può essere utilizzata per eseguire peeling, ringiovanimento cutaneo ablativo (skin resurfacing), oppure per il trattamento di vari inestetismi e patologie della pelle, quali:

  • Rughe delle labbra
  • Rughe degli occhi (cosiddette zampe di gallina)
  • Rughe del volto
  • Verruche
  • Fibromi
  • Cicatrici da acne
  •  Cicatrici ipertrofiche
  • Rimozione di piccole neoformazioni benigne
  • Cheratosi
  • Rinofima
  • Pigmentazioni cutanee

Laser CO2 Frazionale: il trattamento

Il trattamento può essere eseguito in regime ambulatoriale e non richiede alcuna anestesia. Non è necessario alcun trattamento antibiotico o farmacologico specifico, ma si consiglia di tenere idratata la pelle e di non esporla al sole per alcuni giorni. Nel periodo post-trattamento si assiste ad un arrossamento della cute (eritema). Questa fase dura approssimativamente 24 ore e coincide con l’inizio della riepitelizzazione delle porzioni di cute non colpite dal raggio. Successivamente la cute si esfolia e viene sostituita da cute sana e rigenerata.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *